Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Lettere al Direttore I mutamenti climatici del mondo

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



I mutamenti climatici del mondo PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Gennaio 2008 01:00
Alla cortese attenzione del direttore Antonello De Pierro.
Durante il XX secolo si sono registrati due periodi storici molto caldi: il primo, all?inizio del secolo, fu causato da fenomeni naturali; il secondo, a partire dal 1960 ad oggi, Š invece determinato dal cosiddetto ?effetto serra?.

Tale fenomeno scaturisce dall?accumulo dei ?gas-serra? nell?atmosfera, tra i quali il pi— nocivo Š costituito dall?anidride carbonica. Tale gas, che in percentuali tollerabili Š sempre stato presente nell?ambiente naturale e nell?atmosfera terrestre, Š ormai prodotto in dosi notevoli e non pi— compatibili con l?ecosistema planetario, ed Š emesso soprattutto dagli scarichi industriali, dalle automobili e dalla combustione delle foreste.

Il Protocollo d?intesa di Kyoto (in Giappone) Š stato elaborato dall?O.N.U. nel 1997 ed impone un taglio alle emissioni dei ?gas-serra?, ed Š stato recentemente ratificato nonostante l?opposizione dell?amministrazione statunitense. La Conferenza mondiale dell?Aia sui mutamenti avvenuti nel clima terrestre, si concluse nel 2000 senza portare ad un accordo utile sulle procedure da seguire per attuare quanto era stato deciso nel vertice internazionale di Kyoto.

Il fallimento della Conferenza dell?Aia, e il naufragio dell?intesa raggiunta a Kyoto, nel ?97, sotto l?egida delle Nazioni Unite, recano una precisa responsabilit… politica e storica, che va ascritta al governo degli Stati Uniti, al suo atteggiamento arrogante, irresponsabile, egemonico e (una volta si sarebbe detto) imperialista.

Gli U.S.A., da soli, producono circa un quarto del totale delle emissioni di ?gas-serra? presenti nell?atmosfera terrestre, vale a dire la stessa quantit… prodotta dall?Africa, dalla Cina e dal Giappone messi assieme.

Pertanto, il diniego di applicare la riduzione di emissioni di gas inquinanti, cos come previsto dal Protocollo del 1997 - che pure Š una misura insufficiente e tardiva, ma comunque Š gi… qualcosa -, risponde ad una strategia geo-politica di segno neoliberistico, unilateralistico ed egoistico, che fa capo all?amministrazione nordamericana guidata da Bush junior il quale, tra l?altro, aveva promesso, durante la sua prima campagna elettorale, di rispettare e attuare gli accordi sanciti a Kyoto.

Oggi, la posizione del governo statunitense Š largamente invisa e sgradita nel mondo (anche per altre ragioni, connesse alla guerra nel Golfo Persico), e risulta inaccettata e inaccettabile per un cittadino nordamericano su due.

Tale linea, assolutistica, irrazionale e intransigente, fa degli Stati Uniti d?America una ?superpotenza? puramente militaristica, sempre meno amata e rispettata nel mondo.

A tale proposito baster… ricordare la chiara intenzione di espandere, da parte del governo Bush, all?intero continente americano, da Nord a Sud, dal Canada all?Argentina, il cartello tra Canada - U.S.A. - Messico sul mercato e sul commercio unico, senza alcuna frontiera o barriera per le merci e i capitali, ma solo per le idee e le persone umane.

Fino a pochi anni or sono, la posizione cubana si evidenziava come l?unica eccezione al disegno egemonico-espansionistico statunitense; oggi, invece, l?area del dissenso e dell?antagonismo si Š estesa all?intero continente americano, da Nord a Sud, e trova nel Brasile di Lula, nel Venezuela di Chavez e negli altri leaders del ?nuovo socialismo? i suoi principali punti di riferimento sul piano geo-politico, economico e culturale.



Lucio Garofalo

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information