Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Lettere al Direttore Per non dimenticare la tradizione delle osterie

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Per non dimenticare la tradizione delle osterie PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Gennaio 2008 01:00
Alla cortese attenzione del direttore Antonello De Pierro.
In riviste varie e specializzate si legge sempre pi— spesso di locali modaioli dove si intentano nuovi modi e tendenze di fare musica raggiungendo meritato successo e plauso da parte del pubblico attirato da questa originalitÇ e dai giornalisti attratti dalla genialit…!
Come ultimo esempio di numerose e varie bibliografie, leggo in particolare di un locale dove si suonano le scatole, intese come bidoni e lattine, premesso che le scatole le rompono a chi come me non crede nelle novit… a tutti i costi, voglio precisare che da tempi immemori nelle osterie si suonava di tutto essendo che gli strumenti classici chitarra e fisarmonica non erano diffusi come al giorno d'oggi ed intervenivano solamente nelle feste importanti.
Personalmente ho visto accompagnare cori pi— o meno intonati percuotendo cucchiai e posate varie battendoli sul tavolo o
contro bicchieri e bottiglie, ho ascoltato ritmi ottenuti da
portacenere di varie fogge e dimensioni, lame di seghe grattate da
coltelli e unghie che vi sanguinavano sopra.
Ho visto ed ho suonato il BIDOFONO altrimenti chiamato TULON, sorta di contrabbasso ad una corda tenuta in tensione da un tappo, campanacci sedie e pentolame vario che creavano atmosfere impensabili ed incredibili. Ho visto suonare un ARMADIO, perch‚ anche un mobile cos ingombrante, sotto le dita inumidite rigorosamente nel vino, fungeva da cassa armonica, producendo suoni che non stonavano nell'ambiente.
Mi fa piacere che si parli di locali dove ci sono artisti che si esibiscono in queste performance, mi
infastidisce per• il fatto che se ne parli solo per la cultura del
riciclo, senza la conoscenza del passato, specialmente a proposito
delle osterie e della loro tradizione.
Giusto per non dimenticare!!!

Reggio Emilia, 25 febbraio 2006


Dott. Walter Perotti
PRESIDENTE ASSOCIAZIONE OSTERIE ITALIANE
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information