Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Berlusconi e le intercettazioni "Solo per i reati oltre i 10 anni"

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Berlusconi e le intercettazioni "Solo per i reati oltre i 10 anni" PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 22 Gennaio 2009 02:36

Il presidente del Consiglio torna a ribadire la sua posizione. "Sono uno strumento di indagine che la nostra Costituzione definisce eccezionale: siano utilizzate solo per casi particolari"

 

Roma - Nessuno vuole impedire l’utilizzo delle intercettazioni, ma occorre comunque che si ricorra a questo strumento solo in casi eccezionali.

Il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, torna così a ribadire la propria posizione in merito alle intercettazioni a fini giudiziari. “Le intercettazioni - ha spiegato - sono uno strumento di indagine che la nostra Costituzione definisce ‘eccezionale’ anche perchè sacrifica la privacy dei cittadini. Noi non vogliamo in alcun modo impedire le intercettazioni, ma vogliamo che siano utilizzate solo per casi particolari”.

”Oggi - ha proseguito il premier - siamo abituati al loro uso in larga scala: sono 134 mila gli italiani intercettati. E questo vuol dire che ogni volta che parlano al telefono con altre persone anche queste vengono intercettate facendo crescere in modo esponenziale il numero delle intercettazioni nella ricerca di un reato”.

Spiegando di non essere dunque contrario allo strumento, Berlusconi ha però sottolineato l’importanza che il suo ricorso avvenga solo in presenza di un reato già provato “per poter aumentare le prove a carico”. Ferma restando la propria condivisione alle intercettazioni per tutti quei reati che prevedono pene superiori ai dieci anni di reclusione, Berlusconi spiega che un altro punto delicato, riguarda la durata dell’intercettazioni: “alcune di esse - ha infatti denunciato - vanno avanti per anni. Noi vogliamo invece che siano limitate nel tempo e su questo - ha concluso - speriamo che l’opposizione si unisca a noi”.

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information