Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Bomba contro la chiesa, arrestati quattro giovani

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Bomba contro la chiesa, arrestati quattro giovani PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 09 Febbraio 2009 00:19

La bravata, poi la serata in discoteca. Colpita parrocchia di "Gesù Operaio"

Torino - È stata risolta dalla polizia, con l’arresto di quattro giovani, l’indagine sullo scoppio, la notte scorsa, all’esterno di una chiesa alla periferia di Torino, che ha danneggiato una parete dell’edificio, facendo crollare vetrate tutto attorno.
In manette quattro incensurati, tre di Torino il quarto di Volvera (Torino). All’origine del gesto non ci sarebbero vendette od altri motivi, ma soltanto una bravata prima di imbarcarsi su un bus privato che ha portato i quattro ed un’altra trentina di giovani in una discoteca vicino ad Alba (in provincia di Cuneo). I quattro sono stati arrestati all’alba, al ritorno a Torino: sono Paolo Bioletti, 30 anni, Niicola Montesano, di 24, marco Vitelli, di 27, tutti di Torino, e Roco Casazzo, 24 anni, di Volvera. Sono accusati di danneggiamento aggravato - poichè è stato preso di mira un luogo di culto - porto abusivo di materiale esplosivo ed esplosione pericolosa.
Al rientro dalla discoteca ad aspettare i quattro ragazzi c'erano gli agenti della sezione volanti della questura torinese che nel frattempo avevano ricostruito la dinamica dell’episodio. «Hanno ammesso tutto», dicono dalla Questura che precisa come non ci siano moventi legati a motivi religiosi o politici. «Si è trattato di una ragazzata fatta senza motivi particolari». L’esplosione della bomba carta ha danneggiato la chiesa parrocchiale di Gesù Operaio, in via Tollegno. I responsabili dello scoppio sono stati individuati grazie alle telecamere della chiesa e di un’industria vicina. I vetri della chiesa sono stati sbalzati verso l’esterno. «Ero in casa - racconta un residente nella zona - e poco dopo le 22:30 ho sentito un’esplosione piuttosto forte. Mi sono affacciato e ho visto del fumo uscire per qualche minuto dall’edificio».

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Febbraio 2009 15:09
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information