Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Roma, incontri erotici dal web. Scatta l'allarme: "Fate il test Hiv"

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Roma, incontri erotici dal web. Scatta l'allarme: "Fate il test Hiv" PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Domenica 01 Marzo 2009 14:18

I carabinieri invitano i clienti del sito Eroticgessica.com a sottoporsi a esami medici dopo un caso di positività

 

 

ROMA - Allarme medico a Roma per i partecipanti di alcuni incontri erotici nelle ville dell'Appia e dei Castelli.

Un giro organizzato dal sito Eroticgessica.com che è finito nel mirino delle autorità. E ora i carabinieri della capitale, d'intesa con la procura di Velletri, invitano tutti quelli che hanno avuto rapporti sessuali tramite il sito a sottoporsi ad accertamenti sanitari: una delle persone che "intrattenevano" sessualmente i clienti, infatti, risulterebbe sieropositiva.

Si tratta di un avviso che mira a "tutelare la salute pubblica", dicono gli inquirenti. Sulla vicenda si sta cercando di tenere il massimo riserbo, i numeri delle persone coinvolte non sono bassi. Il sito, gestito da una coppia romana e fermo a ottobre 2008, ha registrato 286.396 contatti.

La vicenda è venuta alla luce nell'ottobre scorso, quando i carabinieri di Velletri scoprirono un fiorente giro di incontri per scambisti e serate di sesso di gruppo. In quell'occasione furono arrestati un transessuale e due agenti penitenziari, accusati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Gli investigatori dell'Arma misero così fine a un giro d'affari di migliaia di euro e al via vai di uomini che frequentavano le ville.

I nomi in codice dei due agenti della polizia penitenziaria erano "Ivano" e "Gessica". I carabinieri nell'ottobre del 2008 si finsero clienti e presero accordi per partecipare ad una festa con "Luana", il transessuale complice dei due agenti. Quella sera ci fu il blitz, il club venne chiuso e per i tre scattarono le manette.

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information