Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Più poteri al Premier, per De Pierro inizia la dittatura

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Più poteri al Premier, per De Pierro inizia la dittatura PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Domenica 05 Aprile 2009 17:39

Il presidente dell’Italia dei Diritti: “Una manovra politica di matrice cilena e piduista”

 

 

Roma - “Continua in Italia la scalata di questo Governo all’istituzione di una sorta di dittatura politica, dopo quella mediatica a cui ci eravamo già abituati, anche se non sembra che molti se ne siano accorti”.

Con queste parole Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti, definisce la richiesta avanzata da Silvio Berlusconi di conferire al Premier maggiori poteri. “Ormai sono troppi i provvedimenti dell’odierno esecutivo che in qualche modo allungano pesanti ombre di dubbio sulla nostra democrazia. Con questa richiesta da parte del presidente Berlusconi, i dubbi diventano certezze”. Un campanello d’allarme che per De Pierro affonda le sue radici in un passato non troppo lontano dello stesso Berlusconi: “È chiara l’intenzione di accentrare nelle sue mani il potere decisionale repubblicano. D’altronde ciò non si discosta molto dal piano di rinascita della tristemente nota Loggia P2, del venerabile Licio Gelli. Non dimentichiamo che nelle corpose piattaforme documentali sulla Loggia stessa, emerge come il nostro Premier fosse un tesserato a tutti gli effetti, il cui numero era il 1816”. Una manovra politica che il presidente De Pierro non esita a definire “di matrice cilena” e su cui è necessario porre la massima attenzione: “Mi auguro che dagli scranni del Parlamento, chi crede ancora nei dettami della nostra Costituzione tanto agognati e sudati, faccia il suo dovere oppositivo, nel rispetto di quegli italiani la cui coscienza, per fortuna ancora sveglia, li porta ad aborrire la dittatura”.


 

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information