Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca C'è l'accordo sul referendum. Ma la data slitta al 21 giugno

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



C'è l'accordo sul referendum. Ma la data slitta al 21 giugno PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Mercoledì 22 Aprile 2009 10:12

La proposta dovrebbe partire dalla Camera. . Gasparri: «Intesa con l'opposizione». Pd: «Sì a un esame rapido». Secco no dell'Italia dei Valori

ROMA - Accordo politico tra maggioranza ed opposizione per presentare un ddl di iniziativa parlamentare per spostare la consultazione referendaria al 21 giugno prossimo. È quanto emerso dalla Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama riunitasi stamani. La "leggina" verrà presentata alla Camera e dovrebbe essere approvata in sede deliberante, cioè senza passaggio in Aula.
Il presidente dei Senatori del Pdl, Maurizio Gasparri al termine della Conferenza dei capigruppo dice che si è trovata un’intesa politica sostanziale con l’opposizione. «La decisone è che si vada - spiega - verso una legge di iniziativa parlamentare che possa spostare al 21 giugno la data di svolgimento dei referendum elettorali, che probabilmente partirà dalla Camera. Probabile anche che si proceda in via deliberante».
Indicazione confermata anche dalla presidente dei Senatori del, Pd Anna Finocchiaro, che però precisa: «la data del 21 giugno non ci soddisfa. Noi avevano chiesto l’accorpamento al 6 giugno, ma ormai è tardi essendo scaduto il termine per procedere in questo senso. Si va al 21 ma è bene che questa data resti certa». Il Pd è disponibile ad un rapido esame di un testo che sicuramente si preannuncia di poche righe. Secco il no dall’Idv. Il capogruppo Felice Belisario dice: «l’Idv è contraria a qualsiasi spostamento della data del referendum. Siamo contrari alla deliberante. Continueremo la nostra battaglia perchè è pericoloso non far votare i cittadini quando lo stabilisce la legge».
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information