Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Berlusconi: "Giudici eversivi vogliono ribaltare il voto"

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Berlusconi: "Giudici eversivi vogliono ribaltare il voto" PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 29 Maggio 2009 14:10

Dall'Aquila nuovo, duro attacco del premier alla magistratura: "Con le loro decisioni vogliono ribaltare la volontà popolare"

 

L'AQUILA - "Quando con delle sentenze basate sul ribaltamento della realtà si vuole ribaltare la decisione popolare e si vuole sostituire chi è stato eletto dal popolo, questa si chiama con una parola sola: volontà eversiva e eversione".

 Silvio Berlusconi ribadisce i suoi attacchi ai "grumi eversivi" della magistratura. Stavolta lo fa dall'Aquila, durante un sopralluogo all'ospedale gravemente danneggiato dal terremoto del 6 aprile.

Nel capoluogo abruzzese, il presidente del Consiglio aveva in programma anche la consegna delle lauree ad honorem agli studenti di ingegneria morti nel sisma. Ma Berlusconi nella caserma della Guardia di finanza di Coppito non c'era, malgrado la sua presenza fosse stata annunciata ieri in un comunicato di Palazzo Chigi. Il capo della Protezione Civile, Guido Bertolaso, ha spiegato che il premier ''era stato trattenuto da impegni improvvisi a Roma'', e dunque era partito per l'Aquila in ritardo.

La cerimonia è stata contestata dalle famiglie di alcuni dei ragazzi morti per il terremoto: a loro avviso, la consegna delle lauree "non ha nessun valore morale e affettivo".

Al suo arrivo all'ospedale, il premier è stato accolto da diversi applausi e più di una persona lo ha incitato ad andare avanti nel suo lavoro. Una sola persona, che ha detto di chiamarsi Bruno e si è autodefinito "sfollato", lo ha contestato urlandogli di "farsi processare" e di "rispondere alle domande". Il Cavaliere non si è scomposto minimamente e ha continuato a salutare le due piccole ali di folla formatesi all'ingresso della struttura.

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information