Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Ragazza con problemi psichici uccide il padre a coltellate

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Ragazza con problemi psichici uccide il padre a coltellate PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Sabato 06 Giugno 2009 18:28

La giovane ha confessato di aver ammazzato l’uomo di 49 anni al Quartaccio. I vicini: "Era una persona splendida"


Un uomo di 49 anni, Matteo Zanni, è stato ucciso con una coltellata al cuore da Vanessa, la figlia di 20 anni nelll’abitazione di via Andersen al civico 71, nell'estrema periferia nord, nel quartiere popolare Quartaccio di Roma.
Alle 16.10 una persona ha chiamato il 113 per segnalare che un inquilino era privo di conoscenza, in una pozza di sangue, sul pianerottolo del primo piano. Gli operatori del 118 hanno accertato che l'uomo era morto. A quanto si è appreso la giovane, affetta da disturbi psichici, avrebbe accoltellato il padre al culmine di una violenta lite. L'appartamento a Roma dove è stato trovato assassinato l’uomo è nella stessa strada dove il 22 gennaio scorso una donna di 41 anni denunciò di essere stata violentata.

'Era una persona tranquilla, sempre disponibile. Non lo avevo mai sentito litigare con la figlia. Io sono invalida, e lui spesso mi aiutava a fare piccoli lavoretti in casa: non posso crederci. E' quanto racconta un'anziana vicina di casa di Zanni, professione vetraio. La donna abita al piano terra della palazzina di tre piani dove è avvenuta la tragedia familiare, uno stabile di edilizia popolare. Secondo quanto si apprende dai vicini l'uomo viveva con la figlia, un figlio di 11 anni e con la moglie Gabriella, che al momento dell'omicidio era al lavoro. Quando la donna è arrivata ha trovato il portone di casa circondato da poliziotti, carabinieri e residenti, racconta un'altra vicina, ed è scoppiata in lacrime. A dare l'allarme al 113, attorno alle 16.10, sono stati i vicini che sono usciti dagli appartamenti attirati dalle urla.

Vanessa è ora negli uffici del commissariato di Primavalle dove gli inquirenti la stanno ascoltando. Sul muro del palazzo di via Andersen qualcuno ha scritto tempo fa con una bomboletta spray rossa le parole 'ankio Vane ti adoro', forse un messaggio di uno spasimante rivolto proprio alla ragazza. Della firma, semicancellata, si legge solo l'iniziale G.
"Il padre era una persona splendida - commenta un abitante di via Andersen - era sempre disponibile e ci incontravamo spesso quando portavamo a passeggio il cane. E' una cosa incredibile".
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information