Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Lampedusa, gommone alla deriva. Respinti in Libia 14 migranti

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Lampedusa, gommone alla deriva. Respinti in Libia 14 migranti PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 30 Luglio 2009 15:50

Gli extracomunitari, tra cui due donne ed un ragazzo, raccolti nel canale di Sicilia. Rifocillati dall'equipaggio di un motopesca, riaccompagnati verso il porto di partenza


PALERMO - Respinti in Libia 14 migranti soccorsi su un gommone alla deriva nel Canale di Sicilia.

 L'equipaggio di un peschereccio di Mazara del Vallo li ha raggiunti per primo, 35 miglia a sud di Lampedusa. "Erano rimasti senza benzina", racconta Nicolò Russo, comandante del motopesca. "Erano stremati. Gli abbiamo dato acqua e cibo". Tra gli extracomunitari anche due donne ed un ragazzo. Sono stati trasferiti su una motovedetta della Guardia di Finanza e riaccompagnati in Libia da dove erano partiti.

L'Sos l'avevano lanciato ieri sera gli immigrati con un telefono satellitare. Stamane, di primo mattino, l'avvistamento dal peschereccio Florio. "E' stata la centrale operativa della Marina militare maltese a segnalarci la presenza del gommone", ha detto il comandante del motopesca.

Dopo un'attesa di ore al largo della costa di Lampedusa, le autorità marittime italiane hanno deciso di applicare ai migranti il cosiddetto "respingimento" e hanno ordinato al comandante della motovedetta della Finanza di far rotta verso la costa libica con i 14 migranti a bordo.

Nell'aprile scorso, tra Roma e La Valletta era scoppiata una guerra diplomatica. Per giorni il peschereccio che aveva raccolto 154 migranti tra cui il cadavere di un extracomunitario morto durante la traversata, rimase alla fonda mentre i governi dei due paesi si palleggiavano la responsabilità di accogliere i sopravvissuti. Alla fine il ministro dell'Interno italiano Roberto Maroni annunciò che il governo aveva deciso di introdurre nei confronti dei migranti il cosiddetto "respingimento" in Libia, Paese di partenza. La scelta sollevò aspre polemiche anche dalle organizzazioni umanitarie internazionali ma l'esecutivo non cambiò idea e strinse con le autorità libiche un patto per contenere l'emigrazione verso le isole siciliane lasciando alla marina maltese il compito di organizzare i soccorsi nello specchio di mare al largo della Tunisia e della Libia.

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information