Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Uno su quattro è musulmano

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Uno su quattro è musulmano PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 09 Ottobre 2009 09:35

L'ultima ricerca del Pew Institute disegna un'inedita mappa dell'Islam. I demografi sono sorpresi: "Non immaginavamo fossero così tanti"

Sono uno su quattro. E non si trovano necessariamente dove penseremmo di trovarli. Grandi quantità, ad esempio, stanno in India, o in Cina, o in Russia. Sono i 1.570 milioni di musulmani che popolano il mondo, il 23 per cento dei 6,8 miliardi della popolazione globale (i cristiani sono invece 2,25 miliardi). L’India, Paese a maggioranza hindu, ha più musulmani di qualunque altro Paese, tranne l’Indonesia e il Pakistan, e più del doppio di un Paese musulmano come l’Egitto. La Cina ne ha più della Siria, la Germania più del Libano, la Russia più della Giordania e della Libia messe insieme. Quasi due musulmani su tre vivono in Asia, allungandosi dalla Turchia all’Indonesia. Il Medio Oriente e il Nord Africa, che insieme ne ospitano circa uno su cinque, sono al secondo posto, ma molto distanziati.

Che fossero così tanti non lo immaginavano neppure i ricercatori del «Pew Forum in Religion & Public Life» che per tre anni hanno lavorato, con una cinquantina di demografi e sociologi di tutto il mondo, sui «migliori dati disponibili» di 232 Paesi e territori, producendo quella «Mappa della popolazione globale musulmana» che potrebbe dare un nuovo indirizzo alla politica estera degli Stati Uniti. Brian Grim, capo della ricerca, ha espresso così la sua sorpresa in una intervista alla Cnn: «Ovunque il numero è più alto di quanto non ci aspettassimo. Le stime precedenti davano una forbice tra un miliardo e 1,8 miliardi».

Che il rapporto possa - o debba - avere implicazioni per la politica degli Stati Uniti lo ha detto chiaramente Reza Aslan, l’autore iraniano-americano del best seller «No God but God» (Nessun Dio tranne che Dio): «La popolazione del Medio Oriente rappresenta una percentuale sempre più piccola della comunità musulmana nel mondo. Se l’obiettivo è quello di creare una migliore comprensione tra Occidente e mondo musulmano, allora l’attenzione va focalizzata sul Sud e il Sud-Est asiatico, non sul Medio Oriente».

Il rapporto del Pew Forum è pieno di dettagli che persino i ricercatori trovano sorprendenti. «Ci sono Paesi che noi non immaginiamo neppure che siano musulmani e invece hanno numeri molto impressionanti. Un musulmano su cinque vive in Paesi dove sono minoranza. E mentre la maggior parte della gente pensa che quasi tutti i musulmani che vivono in Europa sono immigrati, questo è vero soltanto per l’Europa occidentale. In Russia, in Albania, nel Kosovo, i musulmani sono popolazione indigena. Più della metà dei musulmani che popolano questo continente è indigena. Sorprende anche il fatto che l’Africa sub-sahariana conti solo 240 milioni di musulmani, circa il 15 per cento del totale. Ma è una popolazione che cresce rapidamente, con Paesi come la Nigeria - divisa tra cristiani e musulmani - dove parallelamente cresce anche la violenza tra le due religioni.

Quasi nove musulmani su dieci sono sunniti e solo uno su dieci è sciita. Dati che presentano però qualche incertezza, perché solo un paio di censimenti nel mondo hanno posto una domanda specifica sul gruppo di appartenenza. Dicono al Pew Group: «Tra i musulmani questo è un punto dolente. A domanda precisa, rispondono semplicemente: religione musulmana. Se sono sunniti o sciiti non vogliono dirlo». Uno sciita su tre vive in Iran, uno dei soli quattro Paesi a maggioranza sciita. Gli altri sono Iraq, Azerbaigian e Bahrein.

Scorrendo la precedente ricerca del Pew Research Center, che indagava la «Grande divisione» tra musulmani e occidentali, l’aspetto che subito salta agli occhi è quanto il terrorismo e il suo legame con l’Islam radicale abbiano reso sospettosi gli europei e alimentato i vecchi luoghi comuni: i musulmani sono incivili, praticano la poligamia e maltrattano le donne. E’ dunque logico che, come scrive lo storico Franco Rizzi nel suo saggio «L’Islam giudica l’Occidente», i musulmani moderati soffrano nel vedersi negato l’apporto della cultura islamica nella formazione della cultura occidentale. In Europa vivono 15 milioni di fedeli islamici ma nell’opinione pubblica c’è una sola equazione: Islam=terrorismo. Un sentimento di discriminazione anteriore agli attentati dell’11 settembre 2001, che hanno semplicemente accentuato una visione dell’Islam già negativa. Con due esiti, come ha scritto lo storico francese Oliveri Roy nel suo «Global Muslims»: una minoranza si sente vittima e ripiega sulla propria identità, mentre la maggioranza fa grandi sforzi per guadagnarsi la cittadinanza e il rispetto. E si dispiace che i risultati non siano proporzionali a quegli sforzi.


Fonte
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information