Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca «Mills assolto»: nuova polemica sul Tg1

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



«Mills assolto»: nuova polemica sul Tg1 PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 01 Marzo 2010 23:01


ROMA - «Siamo stufi. Qualcuno spieghi al Tg1 che l'avvocato Mills non è stato assolto (il video del Tg1), come vuol far credere il centrodestra» .

Così il capogruppo dell'Idv in commissione di Vigilanza, Pancho Pardi: «Che una parte politica difenda il proprio capo con le bugie è indegno ma fa parte del gioco; che il conduttore del Tg1 per due volte, durante i titoli di apertura e nel lancio del servizio, parli di assoluzione - spiega - è gravissimo. Il Tg1 è degli italiani, non di Berlusconi. Minzolini deve rendersene conto una volta per tutte e deve far tornare finalmente il suo telegiornale all'equilibrio e alla correttezza di un tempo. Non abbiamo bisogno di tifosi del premier nel servizio pubblico, per quello bastano già i tre tg Mediaset».

Capezzone: surreali le critiche ad Alfano e al Tg1. «Il Pd e l'Italia dei Valori si comportano in modo davvero surreale - dice Daniele Capezzone, portavoce del Pdl - Ma come? Ci ripetono da anni, come un mantra, che bisogna avere fiducia nella magistratura, e poi, quando la Cassazione prende una decisione a loro sgradita, iniziano a strillare contro il ministro Alfano e il Tg1?».

Usigrai: pezzo corretto, titolo no. «Sul caso Mills il pezzo nel Tg1 delle 13,30 della collega era di corretta cronaca giudiziaria, a conferma della professionalità della stragrande maggioranza dei giornalisti della testata ammiraglia. La scivolata c'è stata, invece, nei titoli e nel lancio, laddove si è parlato di assoluzione di Mills e non di prescrizione»: lo dice Carlo Verna, segretario dell'Usigrai, sottolineando che «prima di attaccare, il sindacato ha l'obbligo di difendere chi lo merita. Una distrazione certamente, grave di sicuro, fuorviante per il pubblico anche. Quando si sbaglia, chi lo fa in buona fede chiede scusa. Siamo fiduciosi che sarà fatto nella prima edizione utile, evitando di incorrere in un problema deontologico di rispetto della verità dei fatti». L'Usigrai ha chiesto comunque «pubblicamente una rettifica».

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information