Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Libia-Svizzera: "embargo totale"

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Libia-Svizzera: "embargo totale" PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 04 Marzo 2010 12:37

Tripoli blocca rapporti commerciali

Continua il braccio di ferro tra Libia e Svizzera in seguito alla crisi diplomatica tra i due Paesi.

Tripoli ha infatti deciso un "embargo commerciale totale" nei confronti delle aziende elvetiche. La drastica misura restrittiva dei rapporti economici è stata annunciata dal portavoce del governo libico, Mohammed Baayou. L'alta tensione tra Berna e Tripoli è iniziata nel 2008 con l'arresto di Hannibal Gheddafi, figlio del raìs libico Muammar Gheddafi.

Hannibal Gheddafi, figlio più giovane del rais libico Muammar Gheddafi, e la moglie Aline, allora incinta di nove mesi, furono arrestati con l'accusa di avere picchiato ripetutamente due domestici con una cintura e un attaccapanni in un albergo di lusso a Ginevra. La coppia fu trattenuta in carcere due giorni prima di venire liberata dietro il pagamento di una cauzione di oltre 300mila euro.
Da quell'episodio è nata una catena di ritorsioni, culminata con la decisione svizzera di includere 188 alti dirigenti libici, tra cui Gheddafi e famiglia, nella lista nera delle persone che non possono entrare nell'area Schengen. La Libia ha reagito con l'arresto di due imprenditori svizzeri già condannati per immigrazione illegale, uno dei quali è ancora detenuto, e con il blocco dei visti dall'area Schengen.

Giovedì 25 febbraio, il leader libico Muammar Gheddafi ha esortato alla jihad, la guerra santa, contro la Svizzera perché considerata "apostata" e "miscrededente" dopo che il referendum di novembre decise per il divieto di costruire minareti nella Confederazione.

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information