Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Reggio Calabria, arrestato il super latitante Domenico Polimeni

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Reggio Calabria, arrestato il super latitante Domenico Polimeni PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Domenica 15 Luglio 2012 18:06

 

Reggio Calabria, 15 lug. (LaPresse) - I carabinieri hanno arrestato il latitante Domenico Polimeni inserito nella lista dei latitanti pericolosi del Ministero dell'Interno (ex elenco dei 100) ricercato per poiché condannato alla pena dell'ergastolo per omicidio ed altro. Polimeni è elemento di vertice della 'ndrangheta operante nel territorio di Oppido Mamertina (Rc) e ricercato da oltre 15 anni dall'esecuzione degli omicidi di Antonio Gugliotta, Antonio Gamgemi e Angela Bonarrigo, avvenuti in data 11.08.1997, commessi materialmente da Polimeni stesso e dal cognato Giuseppe Mazzagatti. Tra le numerose attività svolte per arrivare alla cattura di Polimeni, sono stati intensificati i controlli dei familiari del ricercato, il cui coinvolgimento nella gestione logistica del latitante è apparso da subito evidente.

Dall'8 giugno 2012, infatti, la moglie e la figlia avevano fatto perdere le loro tracce, interrompendo completamente ogni forma di contatto con il mondo esterno, pertanto si era ipotizzato che le donne avessero raggiunto il familiare in una località clandestina, come di fatto è stato accertato nel corso dell'intervento di ieri. Al termine della perquisizione, venivano rinvenute 2 pistole automatiche clandestine con matricola abrasa, di cui una con il colpo in canna e 4.100 Euro in contanti. Al termine delle operazioni, erano tratte in arresto la moglie insieme alle due figlie per il reato di inosservanza di pena. Su disposizione del magistrato di turno della Procura di Paola, le tre donne sono state associate presso la Casa Circondariale di Castrovillari, in attesa del giudizio di convalida.

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information