<<HOME PAGE<<
LE POESIE


Buzziol, Jgor

Roma piange ancora

Roma piange ancora,
e lei la mia amante inesistente
s’innalza davanti a me.

Lei con il corpo ed i suoi capelli
Riempiono il vuoto, lo spazio ed il tempo.

Lei che mentre parla
s’addormenta e mentre sogna
s’innamora, si spoglia e si concede.

Lei la mia amante
senza nessun pudore
mi prende e nel bacio perpetuo
mi ritrovo a sognarla.

Tu, che ora leggi,
tu non sei lei,
perché pensieri e negazioni
ti distruggono e ti lacerano l’anima.

Ma io ti scoprirò
E con mano ferma ti strapperò
le vesti del cinismo
e della realtà
E ti porterò con me.

In letti di rose c’ameremo.
Ed i nostri corpi suderanno rose e figli.

Buona notte mia amante perpetua.
Di giorno corpo e di notte pensiero.

lo che potrei ucciderti dal troppo amore
mi fermo, guardo dalla finestra
Per capire che
Roma piange ancora.

Jgor Buzziol







Una Produzione:
Realizzato da


(C) ITALY MEDIA Tutti i diritti sono riservati

Le Poesie sono di proprietà dei relativi autori ed è pertanto vietato qualsiasi utilizzo non autorizzato

OkSpot.net - 
Pubblicita popunder