Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Per chi suona...Campanella Un serpente dal cuore grande

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Un serpente dal cuore grande PDF Stampa
Scritto da Pierfrancesco Campanella   
Lunedì 24 Febbraio 2014 21:12

SANGUE DI SERPENTE cover

Italo Gasperini è un attore e sceneggiatore di notevole talento che occupa da molti anni un posto di rilievo nel panorama del cinema italiano. Istriano di origini, ma romano d’adozione, Italo da alcuni anni si dedica prevalentemente alla scrittura. “Sangue di serpente” è un suo libro che ho particolarmente apprezzato e che ha avuto l’onore di essere pubblicato dalla Curcio Editore.


 

Ambientato nel mondo della boxe, l’opera è incentrata su tre personaggi “forti”: un pugile deciso a rinverdire sul ring il mito del padre, un anziano allenatore che accetta la sfida di “prepararlo” nella difficile sfida e un ex boxer, la cui carriera è stata bloccata da un grave incidente in moto. Tre destini che si incrociano dando vita ad una storia di amicizia e di sentimenti, ma anche di rivalità, di cinismo, di ambizione sfrenata. Una metafora della nostra società violenta, nella quale si affermano spesso valori distorti e cattiverie gratuite, ma dove, nonostante tutto, non deve mai venir meno la speranza, anche se, nello specifico, ci viene risparmiato lo scontato happy-end finale. Il pregio maggiore di questo lavoro è nel taglio cinematografico della scrittura, evidentemente la professione “principale” di Italo ne condiziona piacevolmente lo stile. In “Sangue di serpente” le parole sono al servizio delle immagini evocate: leggendo si ha la continua sensazione di visualizzare la trama, in un crescendo di suggestioni ed emozioni che coinvolgono in modo davvero speciale. Non a caso l’idea del libro è stata ripresa da un racconto inizialmente destinato al grande schermo. A parte questo, mi ha particolarmente colpito il ritmo serrato e la sincerità dell’autore che riesce a trasmettere dalla prima all’ultima riga passione, energia e sanguigna partecipazione. Davvero un’ottima prova.

 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 04 Marzo 2014 16:44
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information