Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Per chi suona...Campanella Isabel Russinova contro la violenza sulle donne

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Isabel Russinova contro la violenza sulle donne PDF Stampa
Scritto da Pierfrancesco Campanella   
Martedì 22 Novembre 2016 22:59

Tema quanto mai di attualità in Italia, come ci ricorda continuamente la cronaca con tutti i casi di femminicidio, maltrattamenti e soprusi di ogni tipo subiti dal sesso debole. Figuriamoci poi se ci trasferiamo in Siria, territorio di guerra, quindi con tutti gli orrori del caso. Tra questi orrori c’è la piaga delle cosiddette “spose bambine”, cioè ragazzine date in pasto a uomini ricchi in cambio di vile denaro. E’ questo il tema al centro dello spettacolo teatrale “Safa e la sposa bambina”, scritto e interpretato dalla bellissima e sensibile Isabel Russinova, nei giorni scorsi rappresentato a Roma al Teatro dei Conciatori.

manifesto la sposa b 20160225084732 680x1024

Come sono lontani i tempi di “Discoring” e del Festival di Sanremo, quando Isabel, giovanissima, è diventata popolare presso il grande pubblico! L’attrice friulana ha avuto un percorso artistico straordinario, con una continua evoluzione che l’ha portata a diventare autrice, scrittrice, regista e produttrice. Passando per esperienze lavorative con grandi nomi come Dino Risi e Giuseppe Ferrara, autentici mostri sacri del nostro cinema. La storia di “Safa e la sposa bambina” è davvero commovente. Arriva allo spettatore come un pugno nello stomaco il fenomeno dell’infanzia violata nella figura della piccola Awa, attraverso il monologo di Safa, una donna adulta, vittima anche lei. Ma sarà proprio il prendersi cura della bambina indifesa la possibilità di riscatto per la protagonista Safa. La solidarietà quindi come via d’uscita dalle martorizzazioni  subite da entrambe. Una scenografia scarna ma efficacissima, delle luci che esaltano l’atmosfera cupa ma anche la speranza di un futuro migliore come vuole il messaggio del testo, una regia (di Rodolfo Martinelli Carraresi) sicura e che evita accuratamente la facile retorica. Prestazione maiuscola infine per la Russinova interprete: in alcuni punti addirittura da pelle d’oca, con una presenza scenica di rara intensità. Con queste premesse, lo spettacolo è giustamente patrocinato da Amesty International Italia.

Ultimo aggiornamento Martedì 22 Novembre 2016 23:00
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information