Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Per chi suona...Campanella My Italy: risposta napoletana alla “Grande Bellezza”?

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



My Italy: risposta napoletana alla “Grande Bellezza”? PDF Stampa
Scritto da Pierfrancesco Campanella   
Mercoledì 17 Maggio 2017 17:24

Esce domani giovedì 18 maggio nelle sale italiane il nuovo film di Bruno Colella, un regista notoriamente coraggioso e “fuori dal coro”. Un lavoro originalissimo, con un cast “corale”: Piera Degli Esposti, Sebastiano Somma, Nino Frassica, Luisa Ranieri, Lina Sastri, Alessandro Haber, Serena Grandi, Edoardo Bennato  e tanti altri.

MY ITALY cover

In “My Italy” finalmente si ride in modo “intelligente”, lontano anni luce dagli schemi stereotipati delle attuali commedie che monopolizzano il mercato cinematografico. In un panorama assolutamente piatto e mediocre, che riflette l’omologazione culturale dei nostri giorni, ecco un’operazione produttiva basata sull’entusiasmo e sulla voglia di rischiare. Non a caso il film non usufruisce di pubblici contributi, in quanto l’apposita commissione ministeriale non lo ha ritenuto “meritevole”, al contrario di altre opere finanziate dallo Stato che spesso non riescono neppure a uscire nel normale circuito. Ma tant’è: siamo in “Italy” (tanto per ricordare il titolo del film di Colella) e non ci meravigliamo di niente, visto che tutto diventa “normale” e la gente, in generale, è ormai assuefatta a scandali e ingiustizie. “My Italy” è prodotto e distribuito dalla indipendente Mediterranea Productions di Angelo Bassi e si avvale anche di una coproduzione con la Polonia. Raccontare la trama è una impresa molto ardua, in quanto non c’è una trama vera e propria ma un susseguirsi di divertenti situazioni intrecciate, tra il grottesco e il surreale, il cui filo conduttore è rappresentato da un produttore, in giro per il mondo con il suo assistente, in cerca di sponsor per realizzare un film. Come novelli Totò e Peppino. In realtà tutto questo è un pretesto per presentare al pubblico una metafora sulla nostra epoca dove la cultura rischia di rimanere soffocata dall’appiattimento dovuto alla globalizzazione. Il messaggio è comunque positivo: nonostante tutto, l’arte non morirà mai.

Ultimo aggiornamento Giovedì 08 Giugno 2017 10:33
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information