Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Lettere al Direttore Nuove teorie nel campo dell'istruzione

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Nuove teorie nel campo dell'istruzione PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Gennaio 2008 01:00
Egregio Direttore,
in questi ultimi anni, stiamo assistendo alla diffusione di teorie
nel campo dell'istruzione presentate come verit… scientifiche, che se attuate vanno a modificare radicalmente il nostro concetto di istruzione e l'istruzione stessa?.
Mi riferisco alle ?certezze? e ?verit…? fornite nei corsi di formazione a docenti e genitori sulla dislessia e altri disturbi di apprendimento.
In una delle tante teorie estrapolate da una dispensa distribuita agli insegnanti in uno di questi recenti corsi, si legge : " Periodo dai 4 anni fino all'ingresso nella scuola primaria. Il bambino potenzialmente dislessico o con disturbo dell'apprendimento presenta:
- difficolt… di linguaggio
- ritardo fonologico (pronuncia e riconoscimento dei suoni delle parole)
- incapacit… nell'eseguire esercizi metafonologici (fusione di suoni)
- disordine nell'organizzazione del foglio e nello spazio
- disturbo della memoria
- impaccio motorio
- labilit… attentiva
- incapacit… a ripetere sequenze ritmiche "
Solo questi parametri, ai quali a detta degli esperti gli insegnanti della scuola primaria dovrebbero attenersi per individuare gli alunni dislessici, bastano per lasciarci perplessi.
Perch‚ un bambino di quattro anni che sta mettendo piede per la prima volta nella scuola che presenta le caratteristiche di cui sopra dovrebbe essere considerato anormale e affetto da un disturbo, addirittura di origine neurologica?
L'attenzione dell'insegnante sta venendo indirizzata ad osservare e individuare le carenze ed i comportamenti degli alunni, piuttosto che fornire strumenti e soluzioni per rendere pi— facile e agevole l'apprendimento e la trasmissione del sapere.
Difficolt… e carenze espressive facenti parte del processo di apprendimento, vengono stigmatizzate e considerate disabilit….
Perch‚ mettere tutta questa attenzione nel sottolineare le difficolt… del bambino?
Esistono tesi completamente opposte che molti educatori hanno sperimentato che funzionano, come quella secondo la quale se viene data attenzione alle cose negative le rafforzi.
Come ho avuto modo di constatare personalmente con i miei alunni,
se si sottolinea solamente quanto fanno di sbagliato, non si ottengono cambiamenti o risultati , mentre al contrario se si evidenziano e valorizza quanto di corretto e di giusto Š stato fatto e li si guida nel correggere gli errori, si ottengono cambiamenti e progressi.
Sono stati approntati tutta una serie di test da sottoporre ai bambini, sono stati fissati i tempi di apprendimento e le prestazioni che gli alunni devono essere in grado di dare; quelli che cadono fuori dai parametri stabiliti sono da considerare disabili, da segnalare a psicologi o
neuropsichiatri.
Che cos'Š questo se non un cambiamento strisciante dell'istruzione di matrice psichiatrica che sta venendo attuato nel nostro paese?
Viene data grande importanza al modo in cui l'alunno pronuncia e scrive le parole. Come se la pronuncia e/o scrittura corretta fossero gli elementi determinanti nell'istruzione. E che dire di alunni che scrivono e leggono correttamente parole e frasi che per loro non hanno alcun significato e che hanno imparato a memoria?
Che cosa Š veramente importante nell'istruire?
Sta venendo messa eccessiva enfasi su fattori marginali , trascurando invece l'elemento fondamentale che Š la comprensione.
La comprensione di parole, la comprensione di concetti , la comprensione di azioni, che gli permetteranno di saper fare e di applicare nella vita.
Le parole sono suoni e simboli convenzionali per dare un nome alle cose o per esprimere azioni o idee, abbiamo stabilito di chiamare la sedia "sedia" avremmo potuto chiamarla ?foglio?, cos'Š veramente importante ? Sapere di quanti fonemi (suoni) o grafemi (i simboli grafici) Š formata la parola o sapere qual? Š l'oggetto che essa sta ad indicare?
Perch‚ tanta enfasi sull?utilizzo di protocolli da ingenieria linguistica per scoprire i ?disturbi di apprendimento? nei bambini.
Studi recenti nel campo della didattica hanno dimostrato, tra l'altro, che errori di scrittura e di pronuncia svaniscono quando l'alunno chiarisce e comprende il significato di parole che aveva malcomprese o di cui non ne conosceva il significato.
Perch‚ indottrinare gli insegnanti con tutta questa sofisticata e appariscente terminologia che sembra pi— voler dare un?immagine di competenza e scientificit… che una reale comprensione del soggetto dell?apprendimento.
Tutto ci• non fa altro che creare confusione e smantellare quanto di buono c?Š nella nostra istruzione e soprattutto mettendo in pericolo il futuro delle nostre generazione.

Prof.ssa Margherita Pellegrino





 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information