Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Lettere al Direttore Sociale Italia Liberale

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Sociale Italia Liberale PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Martedì 01 Gennaio 2008 01:00
Alla cortese attenzione del direttore Antonello De Pierro.
Lamentarsi Š un corollario quasi inevitabile da parte degli amministrati nei confronti del postulato dato dagli amministratori per il fatto stesso di amministrare, ossia interagire e influire sulle scelte, i destini, le cause e gli effetti degli amministrati. Un governo che si occupi in maniera scientifica delle condizioni dei propri cittadini diventerebbe ossessivo, invadente, ingombrante, dittatoriale. Il lasciar fare, confidando sulla libera coscienza e composizione e compensazione di tutte le relazioni possibili, nel bene e nel male, pare essere noncuranza, mentre prospetta, al contrario, una maggiore indicazione di libert…. La lamentela, come la protesta avviene ovunque, ma in particolare nel Belpaese, che davvero merita questo appellativo, ma nella maniera pi— positiva immaginabile. In Italia, infatti, pare essere tutto possibile, nella realt… di ogni giorno Š normale da sempre riscontrare tutto e il contrario di tutto, le contraddizioni fanno scuola di vita, cos come Š specifica una convergenza e convivenza tra modernismo industriale e antichit… istituzionale, con la medesima disinvoltura prestidigitativa per mezzo della quale i ricchi appaiono spesso poveri, ed i poveri ricchi. Ho visto direttamente e toccato con mano, e mi baso solo sui dati raccolti dall'esperienza vissuta. Mi trovo in una cittadina di provincia del mitico nordest, in questo periodo, e mi domando se esista la povert… vera in questa nazione, o se qualcuno sappia veramente che cosa sia. Un numero stragrande di famiglie possiede una o pi— case di propriet…, a tanti non manca la dependance al mare o in montagna, i viaggi di vacanza all'estero sono ottimi e abbondanti, le automobili sono quasi in media di una per ogtni componente delle famiglie. Nei week end si fa spesso la coda per sedersi in pizzeria. Per molti ristoranti Š meglio prenotare. I supermercati proliferano ed aumentano di numero. Piccoli negozi a volte chiudono, ma per riaprire con nuove insegne. Oppure, sono paracadutati verso pubbliche assistenze e pensioni anticipate. Le strade sono intasate di traffico, nonostante i costi cosiddetti proibitivi dei carburanti, dei bolli, assicurazioni, autostrade, a tutto vantaggio degli introiti statali e delle casse di tutto il comparto privato che gestisce, massimizzando gli utili, i costi di gestione dei mezzi. Il parco vetture circolante, primo dato che osservo come ex venditore di automobili, Š di qualit… buona-ottima: i 15-20-25.000 euro di costo medio per vettura sono la media parcheggiata lungo le pubbliche strade. C'Š un'invasione di lavoratori extracomunitari principalmente giunti per svolgere attivit… di operai, badanti, baristi, commessi-e, ecc., dato che dimostra come il lavoro sia addirittura sovrabbondante, ma snobbato dai giovani del luogo, spesso ad alta scolarizzazione, che mirano ad altri generi di impieghi con prospettive sicure di non occupazione. Per legge di mercato: potremmo mai fare tutti quanti i medici, gli avvocati, i managers? Il controvalore economico di quelle professioni raggiungerebbe lo zero assoluto. Conosco personalmente, in questo luogo, famiglie dove in passato lavorava solo il capofamiglia, che sono riuscite comunque ad acquistare la casa dove abitavano, hanno vissuto dignitosamente e sono riusciti a fare laureare anche due-tre figli. Potrei continuare, ma quale Š allora il problema? Che, abituandosi a vivere decentemente tutti quanti, si vorrebbe sempre di pi—, dimenticando quali erano le condizioni e le prospettive di vita di un lavoratore medio solo di una cinquantina di anni fa. Dimenticando anche che non Š facile o semplice per nessuno governare in un periodo di transizione della societ… e dell'economia in un mondo globalizzato che richiede sempre pi— libert…, per aumentare la ricchezza generale e relativa di una parte sempre maggiore dell'umanit…. Certo, Š chiaro che, come sempre, c'Š chi divora la parte pi— grande della torta disponibile, ma occorre anche prendere atto che sono sempre di pi— le persone che hanno possibilit… di accedere a prodotti a basso prezzo che prima erano riservati solo ai ricchi. Oggi questo avere si paga con la precariet…, ma infine sostenuta da varie forme dirette e indirette di assistenza, ma, solo ieri, come e quanto si pagava il fatto di non avere? Esempio elementare? il telefono cellulare, fino a pochi anni fa privilegio di benestanti, oggi disponibile persino ai bambini al costo di un giocattolo. Vent'anni fa un computer della potenza di 64 kb (la scheda sim di un cellulare odierno), costava un centinaio di milioni di lire... e oggi? Oggi, cosa possiamo permetterci sapendo spendere anche i pochi euro che abbiamo, nel modo giusto e sapendo scegliere tra l'infinit… di prodotti che un mercato mondiale ci offre in sovrabbondanza? Dovremmo forse pensarci un attimo, e considerare come siamo fortunati in questa Nazione che non ha ancora realmente affrontato una vera rivoluzione liberista, che i nostri tanto vituperati governanti riescano in qualche maniera a fare godere al popolo i vantaggi del liberalismo mondiale assieme ai vantaggi del protezionismo sociale - che riguarda non solo i lavoratori ma anche il padronato delle stesse aziende, le quali dovrebbero rendere pubblica la quantit… di aiuti e contributi statali ottenuti in tutti questi anni... - e l'Italia continui a vivere in una specie di limbo economico protetto dove con un rischio minimo o addirittura nullo si ricevano in cambio vantaggi economici e sociali assai rilevanti, per tutti i lavoratori, per tutte le categorie, per le famiglie, per le industrie. A proposito, qualcuno conosce personalmente e non per sentito dire qualcun altro che stia morendo di fame, o che si trovi in condizioni di disagio non risolvibile che non sia dovuto, direttamente o indirettamente alla propria volont…?

grazie per l'attenzione

Francesco Martin, cittadino europeo
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information