Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Articoli archiviati

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Roma, muore a 81 anni Vittorio Ripa di Meana PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 29 Dicembre 2008 15:50

 

 

È morto a Roma Vittorio Ripa di Meana. Avvocato di grandi banche e società editoriali, Vittorio Ripa di Meana, scompare a 81 anni.

 Apparteneva ad una aristocratica famiglia piemontese residente nella capitale. Fratello maggiore di Carlo (ministro dell'Ambiente e commissario europeo), tentò anche lui una breve incursione in politica quando, nel 1993, si candidò a sindaco di Roma con una lista civica (l'Alleanza Laica-Riformista) e poi al Senato con il Partito Repubblicano.
Nato a Roma il 19 settembre del 1927, specializzato in diritto societario, commerciale e industriale, diritto bancario e della concorrenza, è stato per anni al fianco del gruppo De Benedetti sia nelle attività editoriali che in quelle finanziarie e industriali. Consigliere di Generali dal 2004, è stato per anni presidente del patto di sindacato di Capitalia, giocando un ruolo da protagonista, nei primi mesi dello scorso anno, nello scontro tra l'allora amministratore delegato, Matteo Arpe, e il presidente Cesare Geronzi. Ripa di Meana, schierato con quest' ultimo, si dimise infatti il 23 febbraio in seguito alle critiche mosse contro di lui da Arpe in una lettera inviata alla stampa. Dimissioni rientrate una decina di giorni dopo, il 5 marzo, quando i soci gli riconfermarono la fiducia.
Dopo la fusione di Capitalia in Unicredit, Vittorio Ripa di Meana aveva continuato la sua attività di legale, che lo ha visto anche protagonista del collegio di difesa di Stefano Ricucci, uno dei «furbetti del quartierino», nel procedimento che lo opponeva alla Consob, che lo aveva accusato di aggiotaggio nella presunta scalata alla Rcs attraverso la propria holding Magiste.

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information