Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Notizie Attualità e Cronaca Berlusconi: 100 milioni per ricostruire Gaza

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Berlusconi: 100 milioni per ricostruire Gaza PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Lunedì 02 Marzo 2009 12:21

Il premier è disposto a mettere a disposizione la sede di Erice per i negoziati di pace tra israeliani e palestinesie ha precisato che l'Italia è pronta a farsi carico dei «costi logistici delle delegazioni di tutti gli Stati».

 

 Cento milioni di dollari dall'Italia per la ricostruzione di Gaza.

Ad annunciarlo, durante la conferenza di Sharm el Sheikh per la ricostruzione della Striscia, è il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. "L'Europa farà la sua parte come il mio Paese. Annuncio - ha detto - 100 milioni di dollari come contributo italiano per la sola ricostruzione di Gaza".
Il premier inoltre è disposto a mettere a disposizione la sede di Erice per i negoziati di pace tra israeliani e palestinesie ha precisato che l'Italia è pronta a farsi carico dei «costi logistici delle delegazioni di tutti gli Stati».

Il piano Marshall per il rilancio delll'economia palestinese sarà tra le priorità del G8: "Non ci può essere - ha sottolineato Berlusconi  - pace vera in Medio Oriente tra due popoli divisi tra troppo differenti tenori di vita".
In quest'ottica il premier ha annunciato che sono in corso contatti con i grandi gruppi alberghieri e con le grandi multinazionali per la costruzione di infrastrutture nell'area in modo da rilanciare anche il turismo, in particolare quello versioi luoghi sacri.

Dal punto di vista politico il premier ha spiegato che Israele "dovrebbe assumersi il sacrificio della mediazione" e anche la Palestina "dovrebbe riconoscere un governo con Abu Mazen" in modo che ci sia "una spinta alla pacificazione del Medio Oriente che la storia impone", e ha incitato "i palestinesi a formare un governo di unità nazionale che possa rappresentare tutto il popolo". Allo stesso modo anche "Israele dovrebbe dotarsi di un governo di unità nazionale capace di azioni e mediazioni" per poter arrivare alla pace in Medio Oriente. "Ora  servono fondi per la ricostruzione di Gaza e noi siamo qui per contributi concreti". (AGI) Gil

Fonte 

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information