Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Referendum, La Russa: «Abbassare il quorum al 40%»

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Referendum, La Russa: «Abbassare il quorum al 40%» PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 12 Marzo 2009 18:36

 

 

Abbassare il quorum per la validità di un referendum abrogativo dal 50 al 40 per cento.

Questa la proposta del ministro della Difesa, Ignazio La Russa, lanciata nel corso di una conferenza stampa alla Camera. «Il quorum del 50% é un controsenso - ha sottolineato il ministro - di quando un tempo la partecipazione al voto era molto più alta di oggi».
Per il ministro, reggente di Alleanza nazionale dopo la nomina di Fini alla presidenza della Camera, servirebbe «una larga intesa», bipartisan, per decurtare del 10% il quorum necessario affinché un referendum abrogativo sia valido. E lancia un invito: «Facciamo un comitato di volenterosi e discutiamone . Io dico 40%, ma sono pronto a discuterne». La Russa è d'accordo ad accorpare il referendum elettorale alle elezioni europee e al primo turno delle amministrative nell'«election day del 6-7 giugno, ma a patto di introdurre anche una norma che cancelli i ballottaggi delle elezioni di sindaci e presidenti delle giunte provinciali per chi al primo turno abbia ottenuti più del 40% dei voti.
E sulla consultazione sulla legge elettorale invisa alla Lega La Russa ha detto: «Andrò e voterò sì, senza offesa per nessuno», richiamano la dialettica nel proprio partito per invitare a non creare casi: «Quante volte nel mio partito in occasione di referendum Fini ha votato in un modo e Alemanno, per dirne una, in un altro? E non succedeva niente per questo. Quindi, figuriamoci se gli amici della Lega si possono offendere per quello che faccio io. Situazioni di questo genere possono capitare, sennò a che servirebbe il referendum?».

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information