Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca Gli studenti dicono addio ai giudizi, tornano i voti. Gelmini: bocciati con il 5 in condotta

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Gli studenti dicono addio ai giudizi, tornano i voti. Gelmini: bocciati con il 5 in condotta PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Venerdì 13 Marzo 2009 19:51

Meloni: ''Si ridà autorevolezza all'istituzione'' . Il ministro dell'Istruzione: ''Il Consiglio dei ministri ha approvato il regolamento sulla valutazione degli alunni dalle elementari alle superiori''. E spiega: ''Farà media non solo il profitto conseguito in singole materie ma anche il comportamento e il voto in educazione fisica''

 

 

Roma (Adnkronos/Ign) - ''Il Cdm ha approvato il regolamento sulla valutazione degli studenti nella scuola primaria e secondaria di secondo grado, quindi dalle elementari alle superiori''.

Lo ha annunciato il ministro dell'Istruzione, Maria Stella Gelmini, nel corso della conferenza stampa che è seguita al Consiglio dei ministri. ''Si passa da una valutazione espressa in giudizi a una valutazione espressa in decimi'', afferma il ministro. Quanto ai nuovi criteri del voto in condotta, ''farà media non solo il profitto conseguito in singole materie ma anche la valutazione del comportamento'' e ''con il 5 si verrà bocciati'' dice la Gelmini.
Che sottolinea: ''Si superano i giudizi, a volte un po' fantasiosi e poco chiari e si torna al voto, elemento di chiarezza e responsabilizzazione degli studenti''. Il giudizio sintetico del docente resta solo per l'insegnamento della religione cattolica. Per il resto, i giudizi lasciano il posto ai numeri. Ciò vale anche per l'insegnamento della musica. E, per la valutazione degli alunni delle scuole superiori, farà media anche il voto in educazione fisica.
Il voto in condotta sarà espresso in giudizio solo per gli alunni delle scuole elementari. In base al regolamento gli studenti della scuola superiore saranno ammessi direttamente agli esami di Stato se, in quarta, hanno conseguito otto decimi in tutte le materie e in condotta, oppure quelli che hanno ottenuto una votazione non inferiore al sette in tutte le materie, otto in condotta nelle classi seconda e terza.
Dunque con il nuovo regolamento si stabilisce che il 5 in condotta porterà alla non ammissione all'anno successivo o all'esame di Stato e concorrerà alla determinazione dei crediti scolastici. Il ministro Gelmini ha spiegato che ''l'insufficienza sarà attribuita dal collegio dei docenti per avere una valutazione puntuale, frutto di una valutazione meditata'' e sarà decisa ''per gravi violazioni dei doveri degli studenti definiti dallo Statuto delle studentesse e degli studenti''.
I docenti potranno decidere, quindi, di dare un'insufficienza in condotta: a chi non frequenta regolarmente i corsi e non assolve assiduamente agli impegni di studio; a chi non rispetta il capo di istituto, i docenti, il personale della scuola e i compagni; a chi non osserva le disposizioni organizzative di sicurezza dettate dai regolamenti dei singoli istituti; agli studenti che non usano correttamente strutture, macchinari e sussidi didattici; agli alunni che danneggiano il patrimonio della scuola.
In base al regolamento, comunque, per prendere un 5 in condotta si deve aver già preso una sanzione disciplinare. Se il comportamento indisciplinato si ripete, l'insegnante, insieme al collegio docenti, potrà attribuire l'insufficienza.
''Con questo provvedimento si vuole introdurre una valutazione del comportamento che rappresenta un premio per la stragrande maggioranza degli studenti che hanno comportamenti corretti - ha puntualizzato la Gelmini - Un modo per premiare chi si comporta bene e, non per punire, ma per educare gli indisciplinati. E' un modo per responsabilizzare gli insegnanti, per restituire alla scuola il ruolo di agenzia educativa". "Il voto in condotta - ha concluso - è legato alla reintroduzione dell'educazione alla cittadinanza".
Soddisfatta il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, che giudica il voto in condotta ''uno strumento importante per arginare e combattere i crescenti fenomeni del bullismo e di devianza giovanile nelle scuole''. ''Così come è stato impostato - aggiunge Meloni - fornisce un'importante indicazione culturale: si restituisce autorevolezza alla scuola, agli insegnanti e al percorso didattico ed educativo. Si stabiliscono infatti delle regole precise che devono essere rispettate, e la violazione grave e ripetuta delle quali comporta sanzioni adeguate''.
Critico invece Beppe Fioroni, responsabile Pd Area Educazione, per il quale il 5 in condotta, ''senza una parallela azione di recupero dei ragazzi e senza aiutare le scuole, ormai allo stremo per mancanza di risorse e personale'' rischia di diventare ''un inutile spot''.
''Un trucco per distrarre l'attenzione dalle condizioni disastrose in cui versa la nostra scuola - gli fanno eco il responsabile Scuola del Pd, Mariangela Bastico, e la capogruppo del Pd in commissione cultura, Manuela Ghizzoni - Le scuole non possono funzionare senza risorse e non devono essere costrette a scaricare sui genitori i mancati trasferimenti del ministero della Pubblica Istruzione''.

 

Fonte

 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information