Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Banner
Home Notizie Attualità e Cronaca De Pierro annuncia azioni contro buste supermercati a pagamento

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



De Pierro annuncia azioni contro buste supermercati a pagamento PDF Stampa
Scritto da Redazione   
Giovedì 28 Maggio 2009 18:53

Il presidente dell’Italia dei Diritti: “ I risultati del monitoraggio da noi avviato hanno rivelato l’assenza totale di esercizi che sfuggano a questa furbesca prassi”

 

 

Roma - “ Ora basta, la misura è colma, non possiamo permettere che questa vergognosa consuetudine permanga, nel silenzio delle istituzioni e nell’assuefazione dei cittadini”. Questo il commento di Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti, a proposito dell’iniziativa da lui lanciata per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema delle buste della spesa a pagamento. Qualche mese fa De Pierro aveva deciso di occuparsi attivamente di questa problematica, lanciando un’azione di tutela dei consumatori che prevedeva la pubblicazione sul sito dell’Italia dei Diritti e sul portale d’informazione Italymedia.it, da lui diretto, di una lista dei supermercati virtuosi, disponibili a risparmiare ai propri clienti questo ennesimo esborso. “I risultati del monitoraggio da noi avviato - ha poi aggiunto il presidente De Pierro -  ci hanno restituito un’immagine desolante della grande distribuzione capitolina. In città, non c’è esercizio che sfugga a questa furbesca prassi. Noi come Italia dei Diritti saremo in prima linea nel progettare e realizzare iniziative di boicottaggio e denuncia, per sollecitare anche il varo di una legge che impedisca l’imposizione di  questa assurda gabella. E’ illogico che gli esercenti facciano pubblicità a se stessi a spese della gente. Se proprio vogliono far pagare i sacchetti di plastica, tolgano il logo pubblicitario della catena. Sono alquanto sconcertato di fronte all’immobilismo delle istituzioni nell’accettare passivamente questa ignobile pratica che contrasteremo avvalendoci di tutti i mezzi a nostra disposizione. Annuncio fin d’ora che presto inizierò una serie di incatenamenti quartiere per quartiere di fronte ai supermercati che in media incassano in questo modo 60.000 euro all’anno”.
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information