Le Notizie

Il presidente dell'Italia dei Diritti: "L'esternazione del mio sentimento solidale, oltre che doverosa, a tutela dell'imprescindibile diritto costituzionale della libertà di stampa, affonda le sue radici inevitabilmente altresì in motivazioni del tutto soggettive, essendo stato vittima io stesso di un'aggressione e di minacce di morte da parte di Armando Spada".

Roma - La giornalista di Repubblica Federica Angeli, che dal 2013 vive sotto scorta per aver denunciato lo strapotere dei clan a Ostia, in particolar modo quello degli Spada, è stata destinataria di una busta contenente un proiettile recapitata alla redazione del Fatto Quotidiano. La Squadra Mobile della Questura capitolina ha sequestrato il materiale e ha avviato un'attività di indagine insieme alla Digos. Di recente la Angeli era stata escussa come teste in aula nel processo che vede alla sbarra il boss Armando Spada, il quale nel 2013 l'aveva minacciata di morte. 

Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Gli italiani hanno affidato loro il consenso decretando che fossero i vincitori delle elezioni politiche ed è giusto che governino. In democrazia funziona così. Però  voglio che dimostrino di non aver preso per il culo gli elettori e cancellino immediatamente la legge Fornero. Poi realizzino la più grande illusione della storia politica italiana, il reddito di cittadinanza. Mi viene davvero da ridere e sono troppo curioso di guardare il signor Salvini risolvere quello che chiama il problema migranti"

Roma  - "Gli italiani hanno affidato loro il consenso decretando che fossero i vincitori delle elezioni politiche ed è giusto che governino. In democrazia funziona così. Se il Centrosinistra non ha saputo soddisfare le esigenze e rispondere alle istanze dell'elettorato e questo l'ha punito ritengo che meriti di restare all'opposizione".

money1La situazione finanziaria attuale in Italia è abbastanza chiara: sono in pochi ad accedere a questa opportunità, sia a causa della scarsa disponibilità economica del resto della popolazione, sia per la cronica mancanza di informazioni che non consentono agli investitori di sfidare le oscillazioni del mercato.

Dopo che al popolare comico è stato negato l'accesso alle esequie il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti si è schierato a difesa dell'amico ed, esprimendo profondo dolore, ha raccontato alcuni ricordi personali sul conduttore prematuramente scomparso

 

Roma - L'esternazione del suo dolore per la prematura scomparsa di Fabrizio Frizzi, il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro l'aveva affidata, con più di un post,  alle pagine dei social network Facebook e Twitter. Frasi commoventi in cui tesseva le lodi delle inconfutabili e commendevoli qualità del conduttore deceduto, sottolineando il legame amicale che intercorreva da lungo tempo con lui. Gli aveva anche portato l'ultimo saluto presso la camera ardente allestita preso la sede Rai di viale Mazzini, ma aveva deciso di non presenziare al funerale, che si è svolto presso la chiesa degli Artisti di piazza del Popolo a Roma. E dopo aver letto il post pubblicato sul suo profilo Facebook dall'amico Gianfranco D'Angelo, il quale lamentava che non gli era stato permesso l'accesso alla chiesa in quanto la cerimonia era per "pochi intimi", non ha potuto esimersi dal polemizzare schierandosi al suo fianco e commentando lo sfogo del noto attore comico, in cui emergevano anche le motivazioni che l'avevano spinto a disertare le esequie.

Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Oggi posso affermare, senza tema di smentita, che il nostro contributo sarebbe stato determinante per evitare l'attuale condizione di incertezza amministrativa in cui versa la Regione Lazio"

 

Roma - Si sono da poco tenute le elezioni per il rinnovo del presidente della giunta e del Consiglio Regionale del Lazio e il risultato finale è apoditticamente una vittoria di Pirro per il neo governatore Nicola Zingaretti, riconfermato alla guida della Regione, ma senza la maggioranza in consiglio. Infatti, i ventisei seggi assegnati dal risultato elettorale all'opposizione, che si oppongono ai ventiquattro ottenuti dalla coalizione vincente, nonostante il premio di maggioranza, non permettono a Zingaretti, ancorché possa contare altresì sul suo voto, di far passare alcunché in consiglio, senza scendere a patti con qualcuno dell'opposizione. Una situazione di stallo che difficilmente farà giungere l'esponente del Partito Democratico alla fine naturale della legislatura, prevista fra cinque anni.

Sottocategorie

Le ultime notizie dal Team Joomla!
Go to top