Pubblicizza il tuo sito

Banner

Pubblicità

Home Per chi suona...Campanella Enrico Maria Paparelli: un artista tra paesaggi e denuncia sociale

Donazioni

1€ PER I TUOI DIRITTI

SOSTIENI IL MOVIMENTO
"ITALIA DEI DIRITTI"

UN PICCOLO AIUTO PER LA LEGALITA'

Potete fare donazioni con :

PAYPAL, POSTEPAY e BONIFICO BANCARIO

- paypal, inviando la somma a italiadiritti@yahoo.it

- postepay, effettuando on-line, presso qualsiasi ufficio postale o presso qualsiasi ricevitoria Sisal una ricarica postepay sulla carta numero 4003-6005-8578-6249 intestata al presidente del movimento Antonello De Pierro.

- bonifico bancario su conto intestato al presidente del movimento Antonello De Pierro (codice IBAN: IT30 J056 9603 2180 0000 2079 X65)

Login



Enrico Maria Paparelli: un artista tra paesaggi e denuncia sociale PDF Stampa
Scritto da Pierfrancesco Campanella   
Lunedì 24 Febbraio 2014 21:02

V   U

Nei giorni scorsi si è parlato molto negli ambienti culturali capitolini del vernissage, tenutosi a Roma, presso l' Istituto De Merode, di questo bravissimo esponente del mondo artistico italiano. Enrico Renato Paparelli, di origini trevigiane, ma ormai da molti anni residente nella capitale, è sicuramente un talento straordinario, come è facile rendersi conto dalla visione delle sue apprezzatissime opere, e come testimoniato dai numerosi e prestigiosi riconoscimenti che gli sono stati attribuiti nel corso della sua carriera.

Un percorso iniziato “ufficialmente” nei primi anni ottanta, proseguito ai nostri giorni con una creatività che non conosce soste, passando dal genere naif all’ impressionismo, esprimendosi sia con la tecnica tradizionale ad olio che con la sperimentazione dell’ acrilico. Amante dei colori accesi e delle immagini forti, Paparelli è soprattutto una persona sensibile, in grado di passare con disinvoltura dai paesaggi alle tematiche sociali come la lotta alla mafia e lo sbarco degli immigrati clandestini. Per me che ho avuto il privilegio di conoscerlo personalmente e di intervistarlo è stato una vera sorpresa dal punto di vista umano. Un artista semplice, alla mano, come solo i veri grandi sanno esserlo. Mi ha raccontato i difficili inizi, l’ ammirazione per Monet, il suo speciale bisogno di esprimersi attraverso varie sfaccettature, convinto che anche con un quadro si possano trasmettere delle emozioni, ma al tempo stesso far riflettere sui mali della società. Un’ opera pittorica ha intrinseco in sé il concetto del bello inteso quale creazione di un qualcosa di immortale che appaga l’occhio di chi osserva, così come alto è il messaggio universale di cui può essere portatrice. In questo senso credo che Paparelli possa essere annoverato come un pittore assolutamente “completo”. Sono certo che abbia ancora molto da dire e che della sua arte ne sentiremo parlare ancora a lungo. Per convincersi di questo non serve un grosso argomentare di parole. Basta guardare. E ammirare.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 01 Marzo 2014 09:58
 

        

Il sito utilizza i cookies per migliorare l'aspetto e l'uso del portale. I Cookies sono usati solo per le operazioni essenziali. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information