«Non ce la faccio più, ormai vivo un incubo quotidiano e ho il terrore ogni volta che sento il rumore di un motorino sotto casa». Da quasi un decennio, un uomo di 65 anni riceve quotidianamente, anche più volte al giorno, la visita di un rider che gli deve consegnare una pizza o altro cibo a domicilio. Tutto cibo che l'uomo, in realtà, non ha mai ordinato.
 

L'incredibile vicenda di Jean van Landeghem, che vive a Thurnout, in Belgioè raccontata dall'Independent. L'uomo, ogni giorno, sente suonare il campanello e ad attenderlo ci sono impiegati delle consegne di pizzerie e locali che vendono hamburger e kebab. «Ogni volta è un'attività diversa che fa la consegna, eppure ogni giorno ricevo delle visite, a tutte le ore», racconta l'ormai rassegnato Jean.

Il culmine è stato ampiamente raggiunto più di un anno fa. «Era il gennaio del 2019 quando, nello stesso giorno, sono arrivate dieci consegne diverse e uno di quei rider aveva addirittura 14 pizze. Non ho mai dovuto pagarle perché non le avevo mai ordinate, ma è una situazione spiacevole sia per me che per i gestori» - racconta l'uomo - «Suonano a tutte le ore, non riesco più neanche a dormire, è un incubo. Sono chiaramente vittima di uno scherzo, ma da parte di chi? Ad un mio amico è successa la stessa cosa e sospettiamo che sia una conoscenza comune, abbiamo denunciato tutto alla polizia ma non abbiamo ancora scoperto nulla».

Il bizzarro mistero sembra lontano da una possibile soluzione, anche dopo quasi dieci anni. Una cosa, però, è certa. «Quando scoprirò chi è il responsabile, non passerà la miglior giornata della sua vita», giura l'esasperato 65enne.

 

Fonte