Le Interviste

di Enrico PedemonteOgni bovino in Europa riceve 2 dollari in sussidi pubblici. Più del reddito individuale di metà della popolazione mondiale. La denuncia del Nobel. Colloquio con Joseph Stiglitz
Il premio Nobel per l'Economia Joseph Stiglitz
È meglio essere una mucca europea che un cittadino povero in un paese in via di sviluppo, sostiene Joseph Stiglitz, Nobel per l'economia.

di Marco Damilano
Subito la Federazione con Forza Italia e Lega. E magari liste uniche già alle Europee. Una legge sulle coppie di fatto valida anche per i gay. Parola di leader. Colloquio con Gianfranco Fini
Gianfranco Fini
Nel 2007 festeggia i vent'anni alla guida della destra italiana: dal congresso del Msi di Sorrento all'insegna del fascismo Duemila al viaggio a Gerusalemme.

di Stefania Rossini
Una carriera di successo. Tutta casa, chiesa e politica. Tra De Mita e Cossiga. Berlusconi, Casini e Prodi. Il leader dell'Udeur si confessa. E sogna una nuova Dc
Clemente Mastella
Guardi Clemente Mastella e pensi che la Democrazia cristiana ci ha lasciato almeno un uomo che incarna la vecchia fisiognomica paternalistica. Lo ascolti parlare, divagare, irretire l'interlocutore con battute accattivanti, sostenere l'utilità di scelte ondivaghe, mostrare fermezza su qualche punto irrinunciabile e capisci che l'attuale ministro di Giustizia ha soprattutto trattenuto in sé il pragmatismo e il senso del potere della perduta Dc del Sud.

di Marco Damilano
Vanno bene i diritti civili. Ma bisogna dare priorità alle questioni economiche e sociali. Il ministro detta le regole al governo. E al futuro Partito democratico. Colloquio con Rosy Bindi
Rosy Bindi
Nessuno si aspettava gli applausi con una Finanziaria così impegnativa. Ma un conto è la gazzarra al Motorshow, un conto è Mirafiori: quello è un campanello d'allarme che non possiamo ignorare... Il ministro della Famiglia Rosy Bindi non è intimorita da fischi e sondaggi negativi.

di Marco Damilano
Condurre in porto il Partito democratico e poi lasciare la guida ai giovani. E ancora: governo, Medioriente, Usa... Parla il ministro. Colloquio con Massimo D'Alema
Massimo D'Alema
Nell'anno che si chiude ha sfiorato la presidenza della Repubblica. "Sì, è vero, ho rischiato di tutto nel 2006...", ammette Massimo D'Alema: "Però sono stato fortunato: invece delle cariche istituzionali ho pescato il jolly, il lavoro che mi appassiona di più". Fare il ministro degli Esteri lo esalta. Nel suo ufficio alla Farnesina prepara la delicata missione in Libano e Palestina di questi giorni e il fine anno in Brasile, Cile e Perù.

Pubblicità banner basso

Go to top